Attenzione
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne dia il consenso. OK

SCONTO SCONTO

Asimina triloba GEORGIA®

70.00
Fornite in vaso, l'aspetto può variare in base al periodo stagionale
Reward points: 1 punto
AsimGeorg
Attualmente non disponibile

Famiglia: Annonaceae
Genere: Asimina
Specie: Asimina triloba
Cultivar: Georgia

Detto: "Pawpaw tree" / "Paw paw" / "Banano di montagna"

Genere di 8 specie di arbusti decidui e sempreverdi o piccoli alberi presenti su terreni ricchi e umidi in boschi e boschetti. Sono diffuse principalmente nelle regioni meridionali e nelle regioni orientali dell'America settentrionale. Le foglie sono intere e alterne. L'Asimina triloba, unica specie coltivata, ha fogliame vistoso, curiosi fiori solitari portati dai getti dell'anno precedente e frutti commestibili.

L'ASIMINA TRILOBA è un arbusto deciduo o alberetto con foglie verdi obovate, lunghe fino a 30cm, gialle in autunno. A tarda primavera compaiono i fiori a coppa, larghi 3-5cm, con 6 petali marrone-porpora (3grandi e 3 piccoli) circondati da tre grandi lobi del calice, solitari o in mazzetti. I frutti sono ovoidali. a forma cilindrica irregolare o leggermente curvi, lunghi fino a 12cm, verde-gialli, giallo-marroni a maturità. L'asimina

Asimina triloba GEORGIA, è una cultivar autofertile ibridata in Italia, che produce un frutto di buona pezzatura e soprattutto gusto molto aromatico, con forma leggermente allungata e tondeggiante. Crescita molto lenta, appare nettamente più precoce come periodo di maturazione, da fine Agosto, e messa a frutto. Utilizzabile come impollinatore per cultivar autosterili.

Dimensioni: 6 x 6m raggiunti lentamente, con portamento regolare, piramidale.
Fiori: fioritura a fine primavera.
Frutti: frutti con polpa giallo burro dal gusto molto aromatico, decisamente buono, con pochi semi, in genere 10. Buccia che ingiallisce a maturità.
Maturazione: precoce, matura a fine Agosto inizio Settembre.
Terreni: fertili, ben drenati e umidi, ricchi di humus (PH da 5,5 a 7,5).
Posizione: pieno sole.
Esposizione: nelle regioni più fredde se riparata dai venti freddi da nord vive meglio.
Potatura: a riposo vegetativo eliminare e ordinare i rami incrociati o disordinati e quelli secchi (gruppo 1).
Peculiarità: i fiori vengono impollinati dalle mosche e altri ditteri. Tutte le parti della pianta tranne la polpa dei frutti maturi, è tossica per la presenza di sostanze ad elevata attività antimitotica (acetogenine), che impediscono la replicazione cellulare; queste sono allo studio per la loro efficienza nella cura dei tumori. La sua coltivazione non è pericolosa essendo praticamente impossibile l'intossicazione fortuita.

La pianta presenta una inconsueta sensibilità delle radici, nonostante sia a foglia caduca, non dovrebbe essere trapiantata a radice nuda. Durante la piantumazione bisogna fare attenzione affinchè la zolla contenente le radici non venga smossa, nonostante ciò, il primo anno la pianta può non crescere per nulla. Periodo ideale dell'operazione, dopo le ultime gelate, ad inizio primavera (per le piantine giovani), altrimenti l'autunno.

Temperatura min.: -20/-25°C. circa (in base all'età).
Malattie: nessuna.
Impollinatori: autofertile, migliora comunque l'allegagione in presenza di altre cultivar.