Attenzione
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne dia il consenso. OK

La Pieris

Famiglia: Ericaceae
Genere: Pieris
Specie: Pieris floribunda / Pieris formosa / Pieris japonica

Genere di 7 specie di arbusti sempreverdi delle foreste e colline di Himalaya, Asia orientale, America settentrionale e Indie occidentali. Si coltivano per le foglie alterne o verticillate, da oblunghe o lanceolate a obovate, lucide, verde più o meno scuro, con bei colori da giovani, e per la fioritura composta da pannocchie terminali di piccoli fiori urceolati, lunghi 5-9mm che nascono generalmente in primavera. La Vegetazione nuova può patire le gelate tardive.

La Pieris floribunda è un arbusto rotondeggiante compatto con foglie elittico-ovate, dentate, lucide, di colore verde scuro, lunghe fino a 8cm. A inizio e metà primavera porta all'apice dei getti pannocchie erette, la cui lunghezza può arrivare fino a 12cm. di fiori bianchi che si schiudono da boccioli bianco verdini. Dimensioni massime H2 x 3m. Origine: USA sudorientali. Temp. min. -15/-20°C.

La Pieris formosa è un grande arbusto eretto, spesso pollonante, con foglie oblunghe, finemente dentate, lucide, di colore verde scuro, lunghe fino a 10cm, bronzee da giovani. A metà e tarda primavera produce grandi pannocchie semierette o pendule, terminali, lunghe 15cm. di fiori bianchi. Dimensioni massime H5 x 4m. Origine: Cine, Himalaya. Temp. min. -15°C. circa.

La Pieris japonica è un arbusto arrotondato compatto, con foglie da strettamente obovate a ellittiche, dentate, lucide, verdi, lunghe fino a 9cm. A tardo inverno e primavera produce pannocchie di fiori bianchi affastellate agli apici dei getti, pendule o semierette, lunghe fino a 15cm. Dimensioni massime: H4 x 3m. Origine: Cina orientale, Taiwan, Giappone. Temp. min. -15/-20°C.

Coltivazione: Coltivare in terreno moderatamente fertile, ricco di humus, umido ma anzi ben drenato, acido, esposto al pieno sole o all'ombra leggera. Nelle zone più fredde conviene riparare dai venti freddi.

Malattie e parassiti: macchie fogliari e marciume radicale da Phytophtora possono talvolta costituire un problema.

Peculiarità e tossicità: questa specie è stata da sempre largamente utilizzata da varie tipologie di sicari, per il fatto che le sue andromedotossine (dette grayanotossine) contenute nel nettare e nei fiori, erano solubili in acqua. Se questo tipo di veleno veniva sciolto su di un laghetto, causava la moria indistinta di animali e bagnanti, per via dei composti a base di terpenoidi (elevata solubilità) contenuti nelle grayanotossine.