Attenzione
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne dia il consenso. OK

SCONTO SCONTO

Vite FRAGOLA NERA (ISABELLA)

14.90
Fornite in vaso, potate, l'aspetto può variare in base al periodo stagionale
Reward points: 1 punto
11203193
Disponibile
+
SCONTI per quantità:
Quantità 3+
Prezzo 13.90
  • Pinterest
Vitis labrusca Vitis vinifera
 
Famiglia: Vitaceae  
Genere: Vitis 
Specie: Vitis labrusca ibrida  
Cultivar: Uva Fragola nera / sin. uva americana nera / sin. Isabella

Detto: "Uva fragola", "uva americana"

Genere: di circa 65 specie di rampicanti provviste di viticci, decidue, legnose, occasionalmente di arbusti, che vivono nelle regioni temperate settentrionali. Hanno la corteccia che si sfalda e foglie alterne, da semplici a lobate, talvolta dentate. I minuscoli fiori verdi spuntano in pannocchie alle ascelle fogliari in estate e sono seguiti da frutti (grappoli di bacche) che in alcune specie sono commestibili e sono utilizzati per produrre vino o come frutta fresca (Uva).

Specie: la Vitis labrusca è una pianta arbustiva rampicante della famiglia Vitaceae, appartenente al raggruppamento delle "viti americane". Tra queste la più nota è l'uva "Isabella" (detta anche "Fragola"), che ha preceduto di molto l'importazione della Filossera importata in seguito con altre specie di viti americane. Le prime notizie risalgono agli inizi del XIX secolo. L'esatta identificazione botanica dei tipi della V. labrusca, come la Isabella, sono incerte, in particolare la Isabella si ipotizza che sia in realtà una ibridazione fra la V. labrusca e la V.vinifera. L'uva Fragola ha proprietà organolettiche del tutto particolari che possono non essere apprezzate dal consumatore europeo a causa del suo gusto di "selvatico", aroma detto "volpino".

Cultivar: Varietà di uva nera. Introdotta in Italia intorno al 1825. Presenza di acini verdi (acinellatura) nel grappolo maturo. Ottimo sapore e possibilità di conservazione per alcuni mesi. Dalla sua vinificazione si ottiene un prodotto con bassa gradazione alcoolica, ma comunque gradevole e stabile per almeno un anno. Si raccoglie in ottobre quando il picciolo assume una colorazione rossa e si stacca facilmente dal tralcio. È di gran lunga la varietà più diffusa fra quelle del gruppo.Vitigno molto vigoroso, produttivo e rustico in quanto non necessità di particolari trattamenti.
Adatta in particolare alla realizzazione di pergole dove risulta difficile, nonché sconsigliabile eseguire trattamenti fitosanitari.
Epoca di maturazione: tardiva, da metà a fine settembre.

Vigore: elevato
Produttività: elevata
Fertilità: elevata
Coltivazione: Non richiede particolari interventi per aumentare la produttività.
Germogliamento: -
Fioritura: -
Frutti: Acino piccolo, di forma ovale; buccia spessa, coriacea, leggermente pruinosa, di colore nero violaceo; polpa soda e succosa, di colore rosso scuro, dal caratteristico e tipico sapore di fragola. Grappolo medio piccolo, di forma cilindrica, abbastanza compatto, del peso medio di circa 150-200 grammi.
Maturazione: tardiva, dalla III° decade di Settembre a Ottobre.
Terreni: ben drenati, da neutro ad alcalino, ricco di humus. Sopporta bene terreni asciutti, pietrosi, aridi e calcarei (quando sulle proprie radici), mentre innestata su vite americana sopporta anche altri tipi di pH leggermente acidi.
Portainnesti: sui più comuni portainnesti utilizzati contro la Filossera.
Posizione: pieno sole o ombra parziale (nelle zone più calde).
Esposizione: riparata dal vento.
Temperatura min.: -20/-30°C. circa.
Malattie: resistente a tutte le più comuni malattie della vite, tranne filossera, per questo è preferibile usarla innestata.